Copyright © 2016

  • Facebook Basic Black
  • Black Instagram Icon
  • Twitter Basic Black
  • Black YouTube Icon

Rappresentante Italia per il Festival Européen du Premier Roman , Kiel  2016.

Si chiama Alice. Ha 27 anni. L’hanno sistemata in una clinica che ha il nome rassicurante di una Casa, ma non sa dire da quanto sia lì. Ha una voglia disperata di Luca. Luca che odora di buono, Luca che la tiene per i fianchi, Luca che ride. Ma sono gli occhi glaciali di sua madre gli unici che ha addosso. Insieme a quelli inquisitori del terapeuta, che non smette di fare domande. Perché il diabete, ripetono i medici, non è una malattia, è una Condizione. Bisogna imparare ad avvertire i sintomi, essere pronti a bucare, caricare la piccola penna nera della glicemia come fosse una pistola e sparare. Accettarlo come si accetta un legame di sangue. Alice non sa come sia possibile, alla sua età, abituarsi all’idea di non produrre abbastanza insulina, perché prima di ogni cosa deve fare i conti con l’assenza di Luca ˗ Luca in macchina, Luca che guidava ˗ per capire come convivere con una mancanza che è, inevitabilmente, una dipendenza.

In un romanzo a stazioni che ritrae l’apatica frenesia di una generazione che ha già chiuso i sogni in un cassetto, Alice Torriani inventa un alfabeto poetico e originalissimo per raccontare di perdite e riabilitazioni. Con una scrittura cangiante, che prende colore a ogni cambio di voce, L’altra sete è una storia che parla di noi, dell’amore che brucia, e di tutti quei demoni del nostro Tempo che si agitano dentro, e che a volte fanno più paura di una malattia.

Un giorno le tue cellule funzionano.
un giorno no.

Un giorno ami.
Un giorno non ami più.

Un giorno dici non lo farò mai.
Un giorno l'hai fatto.

Un giorno ami un uomo.
Un giorno ami una donna.

Un giorno sprofondi.
Un giorno rinasci.

Un giorno puttana.
Un giorno suora.

Un giorno ci sei.
Un giorno abbandoni.

On.
Off.

"Bucati il polpastrello nella borsetta, non se ne accorgerà nessuno. Bevi il succo di frutta come se niente fosse, non svenire. Resisti, sii forte. Inserisci l’ago nella pelle mentre sei seduto al ristorante e tutti parlano, lascia che sembri un atto banale, come grattarsi un fianco. Camuffa, menti, non si accorgeranno che sei uno di noi".

TEMPO

RESPIRO

ARIDITA'